La tecnologia c’è e si vede

A tutti piace gustare un buon caffè espresso, alla mattina al bar o in casa con la moka. Il caffè è ormai un culto assodato per gli italiani, popolo di veri intenditori. Non ci accontentiamo delle marche, ma siamo esperti di aroma, di retrogusto e vogliamo anche informarci sulle proprietà del caffè e delle relative miscele. Vogliamo sapere cosa mettiamo nella tazzina o cosa c’è nella cialda che inseriamo nella macchinetta. Quello che forse non sappiamo è come l’industria alimentare risponde alle grandi e diversificate richieste provenienti dal mercato mondiale. In chicchi, in polvere, semi macinato, per preparazioni alimentari, in capsule, per distributori automatici, per cappuccino, per caffè americano e chi più ne ha più ne metta.

I produttori ed i distributori per soddisfare una clientela così esigente hanno bisogno di coniugare standard produttivi elevati, estrema cura del prodotto, massima igiene ed alti volumi. Anche la più piccola torrefazione non può più fare a meno dell’automazione. Il caffè deve essere trasportato lungo le varie stazioni di lavorazione, dal prodotto iniziale fino al packaging finale, il più velocemente possibile, in sicurezza e pulizia. Qui entra in gioco il trasporto pneumatico del caffè, che riesce ad esaudire tutte queste necessità con investimenti contenuti.

caffe-bar - batteria-silos-caffe.jpg

Trasporto pneumatico caffè

Vi presentiamo qui un impianto creato da Apply appunto per una ditta che fa del caffè il suo core business. È composto da una batteria di quattro silos realizzati su misura e composti in una struttura autoportante a gambe. Riesce a gestire automaticamente differenti miscele di caffè senza l’intervento umano. Da notare sui lati di ciascun silo gli oblò di ispezione, appositamente richiesti dal cliente. Questo sistema di trasporto pneumatico è strutturato per gestire polvere di caffè di diversa granulometria, movimentandola fra i vari punti di lavoro dell’azienda. Ogni componente in cui passa il prodotto è chiaramente di materiale totalmente atossico ed adatto al trattamento di alimenti, in modo da preservare tutte le caratteristiche che rendono il caffè italiano un’eccellenza.